GLI EROI DELLA PET THERAPY A CAMOGLI: VINCITORI PER LA FEDELTA’ NEL PROGETTO #CONFIDO

“Premio Internazionale Fedeltà” di Camogli ai due pastori svizzeri bianchi Takoda e Anduril per il loro impegno in “Confido: 4 zampe in corsia


Il 16 agosto a Camogli, Takoda e Anduril de La Selva dei Lupi riceveranno il PREMIO FEDELTA’ 2018 per il loro impegno in Confido, la prima sperimentazione italiana di Pet Therapy applicata alle patologie neuromuscolari.

 
Confido è un progetto ideato nel 2016 da Mondovicino Outlet Village, in collaborazione con la Fondazione Vialli e Mauro Onlus, ed è sviluppato dal Centro Clinico NeMO (NeuroMuscular Omnicentre) di Arenzano, una delle quattro sedi in Italia della struttura multidisciplinare specializzata nel trattamento delle persone con malattie neuromuscolari.
{{cta(’27da0ffa-c5aa-481b-9fb5-15e317984e20′,’justifycenter’)}}
Il Premio Internazionale Fedeltà del Cane, giunto alla 57° edizione, è stato ideato nel 1962 da don Giacobbe e Giacinto Crescini, per la Festa Patronale di San Rocco, considerato protettore dei cani.
“Takoda e Anduril de La Selva dei Lupi e di A.S.SE.A. ONLUS saranno onorati di ricevere il PREMIO FEDELTÀ 2018 , un importante  riconoscimento per il loro impegno in Confido per il miglioramento dello stato psicofisico del paziente”

dice Clotilde Trinchero, PhD, Medico Veterinario, Etologa, Presidente di A.S.SE.A. ONLUS®. 

E prosegue:
“I cani  adottati come co-terapeuti hanno incoraggiato i pazienti all’interazione mediante la sollecitazione al gioco, a esercizi semplici e complessi, ad attività ludico-sportive, all’offerta di compagnia e, soprattutto, di comprensione e non giudizio.
 
PHOTO-STORIA-TAKODA-ANDURIL-CONFIDO-2La razza dei nostri cani – Pastore Svizzero bianco –  è particolarmente predisposta agli IAA, Interventi Assistiti con Animali ma la scelta dipende dalle valutazioni che un etologo può fare considerando le attitudini, le capacità e le competenze attraverso test e l’osservazione del singolo soggetto e mettendolo in correlazione con i bisogni specifici del paziente. Così operando, il paziente si è sentito un unicum con il cane “… in quest’ora esistiamo solo io e lui (il cane), e l’ora vola. Non penso alla malattia.” Ciò ha permesso che la corrente empatica nata e voluta dal cane raggiungesse il paziente”.
Grazie al lavoro con Takoda e Anduril, in questi due anni di trattamento si stanno osservando i primi risultati positivi: nei pazienti del Centro Clinico NeMO coinvolti nella “Pet Therapy”, rispetto a quelli sottoposti al trattamento tradizionale, si è riscontrata prima di tutto una riduzione statisticamente significativa dell’ansia, ma anche un miglioramento dell’equilibrio, della capacità di alzarsi dalla posizione seduta e di cambiare velocemente direzione di marcia, dopo aver percorso un breve tratto.

{{cta(‘f54b5ed9-41d0-4ae4-ac66-3fa4414a2dc8′,’justifycenter’)}}

Confido dogsday pet therapy nemo arenzano assea mondovicino